Faq

L'intermediario abilitato ai sensi dell'art. 3, comma 3 del DPR 633/72 può trasmettere un file .zip contenente le comunicazioni IVA di più soggetti a partire dalla selezione di una qualunque utenza di lavoro. Per monitorare gli invii, invece, dovrà necessariamente utilizzare le singole utenze di lavoro dei soggetti a cui si riferiscono i dati delle comunicazione IVA trasmesse.

Data di pubblicazione:26/05/2017

Per la trasmissione della comunicazione IVA per conto di un altro soggetto, non è necessaria una delega esplicita, ma è sufficiente essere un intermediario abilitato ai sensi dell’art. 3, comma 3 del DPR 633/72.

Data di pubblicazione:26/05/2017

Il sigillo dell'Agenzia delle Entrate equivale, ai fini dell'autorizzazione alla visualizzazione del file, alla firma digitale apposta dall'utente che si è autenticato in "Fatture e Corrispettivi".
Al file, infatti, viene associato il codice fiscale dell'utente in sessione al momento dell'apposizione del sigillo.
In fase di Monitoraggio ricevute dei file trasmessi, la visualizzazione dei file è permessa all'utente che ha sigillato il file. Chi accede come incaricato, può visualizzare, in base all'opzione scelta ("File firmati da me" o "File firmati dal soggetto incaricante") i file sigillati da lui stesso o quelli sigillati da un utente che ha lavorato in "Fatture e Corrispettivi" con le credenziali Entratel o Fisconline del soggetto incaricante.

Data di pubblicazione:04/01/2019

La funzione "Sigilla" rinomina automaticamente il file.
Il nome apposto risponde alle regole di nomenclatura descritte nell'allegato "Modalità di trasmissione dati" al "Provvedimento prot. 58793 del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 27 marzo 2017". In particolare, come identificativo del soggetto trasmittente utilizza il codice fiscale dell'utente che si è autenticato in "Fatture e Corrispettivi", e, come progressivo, il valore "00001".

Data di pubblicazione:13/09/2019

Il nome del file che risulta dopo l'applicazione del sigillo può essere modificato, in fase di salvataggio (p.esempio: "Salva con nome") o anche in un momento successivo sul proprio file system (p.esempio: funzione "Rinomina"). Si può modificare il progressivo (p.esempio: incrementando da 00001 ad altro valore), o anche sostituire l'identificativo fiscale del soggetto che si è autenticato.
Per poterlo trasmettere il nome deve rispettare la struttura descritta nell'allegato "Modalità di trasmissione dati" al "Provvedimento prot. 58793 del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 27 marzo 2017".

Data di pubblicazione:13/09/2019