Pagamento imposta di bollo - Ricerca ed Elenco

 

INFORMAZIONI GENERALI

Questo servizio, fruibile dal Portale “Fatture e Corrispettivi”, permette la verifica e il pagamento dell'imposta di bollo complessiva per le Fatture Elettroniche emesse - a partire dal 1° gennaio 2019 - attraverso il Sistema di Interscambio, cioè quelle per le quali il SdI ha emesso una ricevuta di consegna ovvero una ricevuta di impossibilità di recapito. Pertanto, le fatture elettroniche scartate da SdI si considerano non emesse e perciò non sono conteggiate nel calcolo del bollo in quanto per queste non sorgerà neppure il presupposto del tributo.

In particolare, per il calcolo del bollo trimestrale il servizio prende in considerazione le seguenti fatture elettroniche:

  • le fatture B2B e B2C per le quali la data di consegna (tag xml <DataOraConsegna>) contenuta nella ricevuta di consegna che il SdI invia al trasmittente o la data di messa a disposizione (tag xml <DataMessaADisposizione>) contenuta nella ricevuta di messa a disposizione che il SdI invia al trasmittente è precedente alla fine del trimestre. Per esempio se una fattura è stata inviata a SDI il 20 marzo e la ricevuta di consegna contiene una data di consegna precedente al 31 marzo, questa concorre al calcolo del bollo per il primo trimestre, anche se la ricevuta di consegna è arrivata dopo la scadenza del primo trimestre; se una fattura è stata inviata a SDI il 27 marzo e la ricevuta di consegna contiene una data di consegna successiva al 31 marzo, questa concorre al calcolo del bollo per il secondo trimestre;
  • le fatture B2G che soddisfano una delle seguenti condizioni:
    • consegnate e accettate, dove la data di consegna (tag xml <DataOraConsegna>) contenuta nella ricevuta di consegna che il SdI invia al trasmittente è precedente alla fine del trimestre, indifferentemente se la notifica di esito committente di accettazione è arrivata prima o dopo la fine del trimestre;
    • non consegnate e con attestazione di avvenuta trasmissione con impossibilità di recapito, se l’attestazione è stata inviata dal SdI al trasmittente entro la fine del trimestre;
    • consegnate e in decorrenza termini, dove la data di consegna (tag xml <DataOraConsegna>) contenuta nella ricevuta di consegna che il SdI invia al trasmittente, è precedente alla fine del trimestre, indifferentemente se la notifica di decorrenza termini è arrivata al trasmittente prima o dopo la fine del trimestre.

    Per le fatture B2G, inoltre, si precisa che:


    • le fatture consegnate nel trimestre, ma per le quali al momento della elaborazione da parte di SdI non sono pervenute notifiche di esito committente di accettazione o notifiche di decorrenza termini vengono gestite nell’ambito del trimestre successivo;
    • le fatture rifiutate dalla PA non vengono conteggiate nel calcolo del bollo trimestrale.

    Il servizio si compone di più funzionalità, per consentire quanto di seguito indicato all’utente (o suo delegato) che emette fatture nelle quali è stata inserita l'informazione relativa all'assolvimento dell'imposta di bollo:

    1. consultare - per ciascun trimestre solare - un riepilogo sintetico dei dati correlati all’imposta di bollo dovuta ovvero già pagata;
    2. effettuare, per ciascun elemento di riepilogo, la predisposizione del pagamento, mediante il calcolo dell’imposta dovuta calcolata sul numero delle fatture passibili di imposta: sono considerate le fatture emesse dall’utente con stato “ consegnate” o “messe a disposizione” nel trimestre.  L’utente in tale fase ha la facoltà  di modificare il numero delle fatture passibili di bollo e conseguentemente l’importo dell’imposta;
    3. procedere con:

       l’invio della richiesta di addebito su un conto corrente che l’utente indica,

              ovvero

      la predisposizione della  stampa del modello F24 o F24EP (in caso di Enti Pubblici) con i dati utili per il pagamento; tali dati possono essere quelli proposti dal sistema ovvero modificati dall’utente come descritto al punto 2;

    1. consultare le Attestazioni di pagamento.

    PROFILI AUTORIZZATIVI DI ACCESSO AL SERVIZIO “PAGAMENTO IMPOSTA DI BOLLO”

    Gli utenti appositamente profilati che possono consultare saranno autorizzati  all’accesso al servizio e  sono  quelli appartenenti ad una delle seguenti categorie:

    • Utente che accede per sé stesso.
    • Utente delegato (o incaricato) con specifico profilo “Consultazione e acquisizione delle FE o “Consultazione dati IVA.

    Gli utenti con profilo Consultazione e acquisizione delle FE (il soggetto passivo o un suo delegato con tale profilo) potranno usufruire di tutte le funzionalità,  sia  di consultazione sia dispositive.

    Gli utenti con profilo Consultazione dati IVA potranno avvalersi della sola funzionalità di consultazione.


    Ricerca ed Elenco

    Dalla pagina iniziale la sezione “Fatture elettroniche” include la voce di menù “Pagamento imposta di bollo”.

    Di seguito viene mostrato un esempio della maschera relativa per l'accesso al servizio:



    La selezione della nuova funzionalità consente la visualizzazione in tabella dei dettagli dell’imposta di bollo relativa al trimestre di riferimento, per ciascuna delle partite iva associate al soggetto.

    Il sistema propone i dati dell’ultimo trimestre disponibile; è comunque possibile effettuare la ricerca per Partiva iva/anno/trimestre, per consultare la relativa situazione.


    La maschera visualizzata presenta due distinte sezioni: Ricerca e Elenco.

    Sezione Ricerca:

    • Partita IVA [preimpostazione su "Tutte"];
    • Anno.

    All'interno del riquadro di "Ricerca" l'utente può selezionare il pulsante Cerca per effettuare una nuova ricerca reimpostando i parametri precedentemente inseriti.

    Sezione Elenco:

    • Partita IVA cedente;
    • Codice fiscale cedente;
    • Anno: anno di emissione della fattura;
    • Trimestre;
    • N. Documenti emessi: il valore dei documenti emessi è modificabile prima dell'invio; le fatture che risultano essere presenti, nella base dati con data consegna o messa a disposizione, nel trimestre di riferimento indicato;
    • Totale imposta di bollo indicata nei documenti emessi €: calcolata come somma di quanto dichiarato in ciascuna fattura;
    • N. Documenti dichiarati: tale numero può essere diverso dal numero documenti emessi, perché può essere modificato dal soggetto che predispone il pagamento con conseguente ricalcolo dell’imposta di bollo rispetto a quella iniziale;
    • Totale imposta di bollo calcolata €: l'imposta di bollo calcolata è pari al numero di documenti emessi (o dichiarati) moltiplicati per 2 euro (imposta di bollo dovuta per ciascun documento) - (calcolata inizialmente sulla base dei documenti emessi e pari a 2 euro; eventualmente ricalcolata se il numero dei documenti viene modificato;
    • Attestazioni di prenotazione / pagamento: presenti solo a fronte di inoltro di richiesta di pagamento (ricevuta di inoltro del pagamento) e quindi di elaborazione di tale inoltro (ricevuta di pagamento). Questa informazione è visibile solo dagli utenti con profilo “Consultazione e acquisizione delle FE”;
    • Stato del pagamento: [Inserito; In corso di pagamento; Pagamento avvenuto; Pagamento non avvenuto];
    • Calcolo pagamento bollo: l'eventuale presenza dell'icona Calcolo pagamento bollo sta ad indicare che è necessario procedere con il pagamento.

    N.B.: selezionando l'icona Priorità dell'ordine di visualizzazione, nelle colonne dell'elenco dove risulta disponibile, è possibile dare una priorità di ordinamento ai dati visualizzati.

    Di seguito viene mostrato un esempio della maschera relativa:



    Selezionare, se presente nella corrispondente colonna "Calcolo pagamento bollo," l'iconaCalcolo pagamento bollo per procedere con il pagamento.
    Questa icona sarà presente solo se non risultano a sistema prenotazioni di pagamento ovvero pagamenti già effettuati.